Blue Flower

Nel novembre del 1918, con la capitolazione dell`esercito austro-ungarico e di quello tedesco, si conclude la prima guerra mondiale. 

Nel gennaio del 1919 le potenze vincitrici si riuniscono a Parigi allo scopo di ridisegnare il nuovo assetto geo-politico del vecchio Continente, uscito distrutto dalla guerra con dieci milioni di morti. Il paese che risente maggiormente dell`enorme sforzo sostenuto in cinque anni di conflitto è la Germania, che nell`impossibilità di pagare le riparazioni di guerra si vede occupare militarmente dalla Francia, nel gennaio del 1923, il bacino minerario della Ruhr. Sconvolgimenti sociali, economici e politici caratterizzano il primo dopoguerra. L`agricoltura ha subito gravissimi danni e l`industria deve ora affrontare il problema della riconversione dalla produzione di guerra a quella di pace.  

La crescente crisi economica in tutta Europa - con l`inevitabile smobilitazione degli eserciti - porta alla disoccupazione che va ad aggravare le già difficili condizioni di vita delle masse proletarie. Ai disordini fanno seguito gli scioperi e le occupazioni delle fabbriche. Le reazioni degli ambienti militari, dell`industria e della finanza, insieme a quelle della piccola e media borghesia, non tarderanno ad arrivare.

Link: Riassunto per il ripasso.